logo
CLOSE
Your cart
YOUR CART IS EMPTY
TOTAL: 0,00 €
CHECKOUT
CLOSE

Start searching from here...

CLOSE
HOME
ABOUT US
GIGS
ARTISTS
PONDEROSA RECORDS
LAPILLA RECORDS
FESTIVALS
CONTACTS

MonfortinJazz 2019

La quarantaduesima edizione di Monfortinjazz, lo storico festival che dal 1977
porta la musica italiana e internazionale nell’auditorium all’aperto Horszowski di Monforte d’Alba, nelle Langhe piemontesi, si presenta annunciando insieme i primi tre straordinari concerti dell’estate 2019.


Marcus Miller, sessantenne musicista di New York, ha messo il suo basso e la
sua sapienza musicale, qualche volta anche come produttore, al servizio dei più grandi, da David Sanborn a Miles Davis, un album con Michael Petrucciani e collaborazioni con Eric Clapton, Aretha Franklin, Jay-Z, Elton John, George Benson, Herbie Hancock e Wayne Shorter. Nel concerto di Monfortinjazz, martedì 9 luglio, presenterà, insieme al meglio della sua musica, le
composizioni parte dell’ultimo album, “Laid Back”: il basso protagonista di un live di grande classe e nel quale convivono le mille sfumature che tracciano un
percorso fra jazz, fusion e funk.

 

Pochi possono vantare una carriera straordinaria in campo artistico come Graham Nash in concerto il prossimo 12 Luglio a Monforte; è’ infatti immensa la quantità di successi raggiunti da questo artista nei suoi settantacinque anni di vita, tantissime le sue canzoni passate alla storia come colonna sonora dell'ultimo mezzo secolo, prima con gli Hollies e poi con Crosby, Stills e Young, fino a “This Path Tonight”(2016) la sua ultima fatica discografica.
Graham Nash è stata una voce sempre a sostegno della giustizia sociale e ambientale, basta
ricordare gli indimenticabili concerti di No Nukes contro l’energia nucleare di tutto il mondo,
oltre a quelli a favore dei soccorsi umanitari in Giappone nel 2011 fino a quelli di Occupy Wall
Street nel Lower Manhattan.
Nel settembre 2013, Nash ha pubblicato la sua tanto attesa autobiografia “Wild Tales”, che offre
uno sguardo avvincente e senza esclusione di colpi, sulla sua straordinaria carriera e la sua musica
che ha definito più di una generazione.


Lo avevano promesso lo scorso anno, quando un violento nubifragio aveva colpito l’Auditorium Horszowski allagando il palco, già pronto per il concerto. E in effetti i Calexico tornano, ma per questo concerto del 26 luglio il vocalist e chitarrista Joey Burns e il batterista John Convertino non saranno soli: dopo 14 anni sul palco ci saranno anche gli Iron & Wine per suonare le canzoni incluse nel loro Ep del 2005 intitolato “In the Reins”, oltre ad alcune nuove composizioni e brani selezionati dal repertorio di entrambi.

 

Non meno esaltante, è il concerto del 28 luglio, quando il palco sarà di Xavier Rudd, il talentuoso polistrumentista australiano autore di hit come “Follow the Sun” e “Come People” e reduce dalla pubblicazione, nel 2018, dell’album “Storm Boy”. Attivista, ambientalista, vegano, spiritualista, amante del surf, Rudd porterà a Monfortinjazz positività e melodie energiche e solari.

 

Una carriera impressionante: dodici dischi di platino, tre dischi d’oro, due partecipazioni a San Remo, tournée internazionali e infiniti concerti sold out.
Collaborazioni artistiche con artisti come Ray Charles, Pino Daniele, gli Incognito, Renato Zero, Marcella Bella, Chaka Kahn, Al Jarreau, i Pooh, Earth Wind Fire, Claudio Baglioni, ed infine, ultimo ma non ultimo: Burt Bacharach che per lui ha appositamente scritto Something that was beautiful.
Torna per la terza volta nella “sua” Monforte d’Alba, unica presenza italiana di un cartellone straordinario e internazionale, Mario Biondi, che chiuderà la quarantaduesima edizione di Monfortinjazz sabato 3 agosto.

LINEUP
Marcus Miller
Graham Nash
Calexico and Iron & Wine
Xavier Rudd
Mario Biondi